Ancora sviluppi nell’inchiesta su presunte irregolarità e tangenti per la concessione di licenze edilizie a Lampedusa. Il Gip di Agrigento, Valerio D’Andria, ha disposto il sequestro di un terreno con annesso fabbricato in contrada Mosè Fagotto, ad Agrigento, nella disponibilità di Gioacchino Giancone, ex capo dello Sportello unico per le imprese del Comune di Lampedusa. Il valore del bene è stimato in 270 mila euro circa. Il provvedimento è stato richiesto dal sostituto procuratore Luca Sciarretta e dall’aggiunto Ignazio Fonzo. Giancone è indagato con altre undici persone, tra cui l’ex sindaco Bernardino De Rubeis, accusate a vario titolo di abuso d’ufficio, falso, corruzione e violazione delle norme urbanistiche. Nelle scorse settimane, la Guardia di Finanza aveva provveduto a mettere i sigilli su un conto corrente, intestato all’ ex dirigente dell’Ufficio tecnico di Lampedusa, Giuseppe Gabriele, con un saldo di 283 mila euro.