In occasione della ricorrenza del 25 Aprile, festa della liberazione, il comune di Santa Elisabetta ha organizzato una manifestazione denominata “Testimonianze e memorie sabettesi tra le due guerre” che contempla la scopertura di una stele commemorativa dedicata ai caduti e ai dispersi in guerra.   Il programma di domenica 24 aprile, ha visto il ritrovo, alle 10, presso il monumento dei caduti in piazza Giovanni XXIII. Alle 10,15, ha avuto inizio la cerimonia di inaugurazione e scopertura della stele commemorativa dedicata ai caduti e ai dispersi in guerra.    Prima del saluto delle autorità intervenute, tra le quali il sindaco di Santa Elisabetta, Mimmo Gueli, c'e stato  un picchetto d’onore e la deposizione di una corona d’alloro. I canti, a cura del coro delle voci “I Garibaldini”, del 1° circolo didattico “Giuseppe Garibaldi” di Raffadali e Santa Elisabetta, si sono alternati  agli interventi degli alunni della scuola elementare e media di Santa Elisabetta.  La cerimonia, in piazza Giovanni XXIII si e conclusa con le toccanti testimonianze dei reduci e dei familiari dei caduti e dispersi sabettesi in guerra. Alle 11,30 celebrata una messa in suffragio.   “Con questa iniziativa – ha sottolineato il sindaco di Santa Elisabetta, Mimmo Gueli – abbiamo voluto rendere omaggio a tutti i nostri caduti, e col cuore dire un grazie a tutti loro. Non dobbiamo e non vogliamo dimenticare che è anche grazie al loro sacrificio che tutti noi oggi possiamo vivere in un paese libero e democratico. Tutta la comunità sabettese – ha concluso Gueli – si stringe oggi, idealmente, attorno ai loro cari e concittadini”.