I cumuli di rifiuti sparsi per lo spiazzale dove sorge il centro di raccolta a Fontanelle sembrano ormai essere elementi d'arredo caratteristici e permanenti dell'ambiente senza disturbare neanche coloro che lo frequentano con intensità, pagati per pulire la città, quali sono gli operatori ecologici ".Così Nuccia Palermo, consigliere comunale indipendente ad Agrigento. "Sono rammaricata nell'aver riscontrato, almeno questa è stata la sensazione, ritrosia verso la segnalazione fatta direttamente e volta al ripristino delle condizioni igienico-sanitaria di un luogo non solo vicino ad un centro di raccolta ma soprattutto adiacente ad una scuola materna, media ed elementare qual è il plesso V. Reale di Fontanelle. Durante la tarda mattinata di oggi, infatti, approfittando della presenza al centro di raccolta di uno dei responsabili delle Ditte appaltatrici del servizio rifiuti, il Sig. Passarello, - scrive ancora il Consigliere Comunale Palermo- non ho potuto non segnalare ciò che palesemente era sotto gli occhi di tutti ricevendo una risposta più che indisponente e troppe volte sentita. Siamo ad Agrigento e non a Varese, segnali". "Chiedo immediatamente al Presidente Daniela Catalano - scrive Nuccia Palermo - di convocare un tavolo tecnico allargato all'intero consiglio comunale, all' Assessore Nello Hamel e ai preposti al controllo di un servizio che seppur effettuato da Ditte esterne viene pagato con i soldi degli agrigentini al fine di verificare in che modalità e con quali risultati vengono espletati i controlli sull'operato all'interno del Servizio Rifiuti ma soprattutto se, in rispetto al bando di gara sono state rilevate e sanzionate eventuali inadempienze. E' inammissibile chiedere ai cittadini di pagare una tassa così pesante come la Tari e poi sentire la solita frase per giustificare un servizio carente in beffa di quanto previsto durante l'aggiudicazione".