Già da gennaio alcune potrebbero bloccare gli stipendi per i dipendenti e le pensioni agli ex. Secondo i vertici camerali è a grave rischio la sopravvivenza di tutte le Camere di Commercio siciliane già dal prossimo anno.
L'emergenza coinvolge circa 1.200 fra dipendenti e pensionati. Le Camere di Commercio di Palermo e Enna e Messina sono quelle dove i pagamenti sono a rischio già da gennaio o febbraio. "Ma a ruota - commenta Piero Agen, presidente della struttura che ingloba anche Siracusa e Ragusa - la situazione sarà uguale ovunque". A livello nazionale infatti nel sistema camerale non incide la spesa pensionistica, che invece in Sicilia costa 26 milioni all'anno.